Redazione

 

Oriana Baldasso

Sono nata e cresciuta nella provincia trevigiana, ho vissuto per motivi di studio e poi di lavoro a Padova, stanziamento intervallato da stagioni migratorie nel sud d’Italia (Campania, Calabria e Sicilia) e in Spagna e Inghilterra – a Manchester nel 2006. Ho conseguito la laurea VO in Scienze dell’Educazione, seguita da un master in Studi Interculturali ed un Master come Agente di Sviluppo Locale (valutazione e monitoraggio di fondi strutturali). Conosco spagnolo e l’inglese e di cavarmela anche con il portoghese e il francese. Ho tentato anche di apprendere il serbo e l’arabo, ma non posso essere orgogliosa finora del livello raggiunto. Mi piace viaggiare, conoscere il mondo. Ho lavorato per vari enti pubblici e cooperative sociali nel padovano, in ambito interculturale ed educativo con bambini ed adolescenti e nell’ambito dell’educazione ambientale.Sarei voluta diventare una corrispondente dall’estero di qualche giornale ma… la vita porta a fare percorsi non lineari. Scrivere mi è sempre stato facile, sono una lettrice assidua e un’ottima “trovarobe” nel web. Dal 2009 sono socia di PadovaDonne e attiva nel coordinamento del website e nelle iniziative da noi avviate quali “Vota per lei!” o la staffetta di donne contro la violenza sulle donne. Credo, come molte altre/i, che ci sia bisogno di dare spazio anche alle donne per poter rendere questo pianeta un posto migliore dove vivere per tutti. Porto a citazione le affermazione di due grandi persone sul tema:

“You cannot have peace without human rights, democracy, gender equality, and clean water. Look to the root causes of war and you will find, in their reverse, the root foundations of peace.” Cora Weiss

Gender equality is more than a goal in itself. It is a precondition for meeting the challenge of reducing poverty, promoting sustainable development and building good governance.” Kofi Annan

 

Tatiana Bullo

Ciao a tutte! Sono nata e cresciuta a Conselve, un bel paesotto a sud di Padova che ho lasciato da pochi anni per avere una casa mia.  Destino ha voluto che mi avvicinassi all’ufficio in centro città dove passo un terzo della mia giornata da tanti e tanti anni..
Mi è sempre piaciuto scrivere, anche se prima di questa esperienza non l’avevo mai  messo in pratica se non sul diario che tengo da quando avevo 12 anni. Quando mi è stato chiesto di cosa mi sarebbe piaciuto occuparmi, sinceramente sono andata in panico.. perché mi era balenata l’idea che potessi avere qualcosa da dire?
Poi ho provato a pensare a come sono: una gran rompiscatole che non sta zitta se parlare può fare la differenza per far rispettare i miei e i diritti altrui, una discreta cuoca che cerca di usare alimenti ‘sani’ e non pronti, una che tenta di colorarsi il pollice di verde prendendosi cura delle sue piante e cercando di rispettare l’ambiente sotto ogni forma possibile, una a cui non piace sperperare i soldi e cerca di riutilizzare cose usate, di acquistare se necessario e non per sfizio.
Ecco quindi che, grazie al sito, spero di portare ad una nuova coscienza di noi stesse, del nostro modo di vivere per poter dare un futuro migliore ai nostri bimbi perché noi, anche nel nostro piccolo, possiamo fare la differenza. Penso sia semplice lamentarsi, essere negativi e poi non fare niente per cambiare le cose: questo è il grosso problema.
Con PadovaDonne è iniziato un percorso che mi porta a confrontarmi con la realtà, con la società e con qualcosa di più profondo. Mi accorgo infatti che molte donne oggi pensano solo al divertimento, allo shopping, ai locali, ma c’è qualcosa di più al mondo e io voglio scoprirlo e goderne.

Essere donna è così affascinante. È un’avventura che richiede un tale coraggio, una sfida che non annoia mai.” Oriana Fallaci in ‘Lettera a un bambino mai nato’
L’incontro che mi ha cambiato la vita? Quello con la mia volontà” Franca Valeri
Finchè il leone non comincerà a scrivere, i racconti di caccia celebreranno sempre e solo il cacciatore.” J. Nozipo Maraire in ‘Zenzele-lettera per mia figlia’
Per essere amata una donna dovrebbe essere soltanto bella: nessun uomo riesce a perdonarle di aspirare all’ideale virile dell’intelligenza.” Elsa Morante

 

Simonetta Cestarelli

Sono nata in un piccolissimo paese  in montagna, mio padre e mia madre mi hanno educato all’amore per  la natura, al rispetto dell’ambiente e delle persone . Padova è stata la città che mi ha accolto  nei miei studi universitari e che ora,  dopo tanti anni,  adoro e sento mia.  Sono laureata in Farmacia, ho un particolare interesse per la fitoterapia,  ed i rimedi naturali. Vivo non distante dalla città con la mia famiglia, amo il mio giardino pieno di rose, i miei gatti ed i miei cani e a tempo perso faccio l’apicultrice.  Mi piace leggere, ho sempre scritto e cerco di osservare in modo critico  ciò che accade. Quello che vedo spesso riguardo le donne, e non solo, non è quello che vorrei vedere ed ho sempre creduto che per ottenere anche un piccolo cambiamento occorre un grande impegno personale.  Ritengo che la  discriminazione non sia una opinione, ma una vera e propria offesa verso chi subisce in quel momento. Faccio parte di Padovadonne perchè ritengo che essere donna dovrebbe essere non solo una bellissima avventura ma una splendida opportunità.

 

Giulia_CinqueGiulia Cinque

Padovana d’adozione, classe 1982, sono una psicologa – no, non riesco a capire chi sei da come parli! – e lavoro come consulente per l’orientamento. Amo il lavoro che svolgo, e ancora di più se aiuto le donne a ri-scoprire il loro potenziale e il loro valore. Adoro la semplicità delle persone, che a volte viene scambiata per ingenuità e stupidità, ma che cela invece una gran dose di saggezza ben oltre l’immaginabile. Mi piace pensare di riuscire a trascorrere la mia vita riuscendo a sfruttare ogni singolo momento per apprendere qualcosa e per cambiare ciò che non va. Detesto chi si lamenta senza agire ed è questo il principale motivo per cui ho deciso di contribuire al sito PadovaDonne.

Vorrei non aver pianto tanto!” disse Alice, mentre nuotava per raggiungere la riva. “Sarebbe terribile se dovessi annegare nelle mie stesse lacrime!” Alice nel Paese delle Meraviglie

ellenElena Sue Ditadi
Ciao a tutte e a tutti!
Mi chiamo Elena Ditadi, sono nata e cresciuta a Dolo (VE), in piena campagna, immersa nella natura, gli animali, l’erba fresca e il fango, il sole e la pioggia.
Nella vita posso serenamente dire che non c’è nulla che non mi interessi: mi piace curiosare nei cassetti della vita, nelle storie passate e nei sogni futuri.
Potrei vivere in un eremo ma senza un foglio di carta, una penna e una cucina sarei perduta.
Ed infine sono innamorata, sono innamorata di tutto ciò che è vivo, che sia una pianta o un essere umano, mi piace osservare i suoi comportamenti, spiare le sue movenze e raccontare (magari fantasticando) quello che ho visto.

If you haven’t found something strange during the day, it hasn’t been much of a day.” John Wheeler

 

GiorgiaDragottoGiorgia Dragotto

Giorgia, un nome che a pronunciarlo ci vuole impegno: G all’inizio e G alla fine e una bella R nel mezzo!
E così sono io, non tutto fila liscio, ma ha il suo senso. Letteratura e scrittura, poesie e creatività, amori, amici, progetti, prove, manine e la vita mi scorre tra le dita mentre spuntano i primi capelli grigi. A volte mi dimentico che sono già quaranta. Se mi guardo indietro nessun rimpianto, non è da me. Piuttosto riflessioni e una sensazione di solidità costruita con impegno. Mai abbastanza.
PadovaDonne perché non c’è ancora abbastanza spazio per le donne. Ce n’è, si, ma non quello che dovrebbe e poi si sbagliano i termini, si sottovaluta la fatica, si idealizza la maternità, si mutuano comportamenti maschili per dinamiche universali, si passa sopra a una diversità che è ricchezza e non inferiorità… E molto altro. A spese nostre.
C’è ancora molto lavoro da fare.

 

Silvia Pasqualotto

Nata a Padova nel 1985. Cresciuta in campagna con l’invidia per i bambini da condominio, le case piccole e le mamme che fanno i biscotti. Me ne sono fatta una ragione quando ho scoperto le gare di sputo di noccioli di ciliegia dalla finestra senza il rischio di colpire i vicini.
Urlatrice, cammininatrice, parlatrice, lettrice precoce. Ho iniziando mangiando le copertine di plastica dei libri per il bagnetto (dicevano fossero atossiche. mah.) e non ho più smesso.
Diploma di liceo classico, laurea magistrale in letteratura e filologia moderna, ho fregato tutti quelli del “ma quindi vai a fare la professoressa di italiano?”, passando l’esame di ammissione al master in giornalismo di Urbino.
Qualcuno mi ha detto che per chi

  • non è mai uscita dalla fase dei “perché”
  • apre qualsiasi porta/cassetto/armadio/scatola
  • googla chiunque e trova qualunque cosa nell’internet

dovrebbe essere la strada giusta. Mah. Stiamo a vedere.

 

Collaborano/Hanno collaborato con la Redazione di PadovaDonne:

  • Rosanna Bettella
  • Maria Lucia Caniglia
  • Sara Dior
  • Silvia Enzi
  • Federica Ferrari
  • Valentina Goffo
  • Federica Lauto
  • Teodora Nicolae
  • Virginia Odoardi
  • Pir
  • Smeralda Picerno
  • Valentina Pitton Magaraci
  • Elena Spolaore
  • Giovanna Tonon
  • Chiara Zecchin

 

 Infine, un ringraziamento particolare va a Laura Cogo, ideatrice del progetto  www.padovadonne.it, senza la quale non potremo scrivere su questo sito!

 

 

 

 

Se ti siamo piaciute e condividi i valori di PadovaDonne, scrivici una mail all’indirizzo padovadonne.magazine@gmail.com e proponici di collaborare alla redazione! Ti aspettiamo!

2 thoughts on “Redazione

  1. Grazie a tutte.
    Aver letto di voi e delle vostre vite, aspirazioni, pensieri, mi ha fatto tornare in contatto con la mia femminilità più profonda, mi ha fatto sentire proprio ‘coccolata’come una bambina, incoraggiata e ispirata.
    Sabina

  2. Ci sentiamo anche noi incoraggiate ed ispirate dalle tue parole. Si scrive sperando di arrivare a quel ”sentire” che è comune ad ogni donna, ognuna di noi lo fa con passione e impegno e le tue parole sono la piu’ bella ricompensa.
    Grazie.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *