peonia

Dedicato a C. e alle sue lentiggini

Ci sono persone con cui per anni trascorri momenti importanti della tua vita. Poi, all’improvviso non le vedi più, perché la vita, la stessa che te le ha fatte incontrare, vi separa. All’inizio provi nostalgia e cerchi di tenerti in contatto; poi per qualche strano motivo che non sai descrivere, senti che non è più…

11665386_10153310617140783_5035217658008172879_n

Siamo puttane se siamo libere

Una quindicenne è stata stuprata a Roma da un uomo. Se fosse stato un immigrato, un clandestino o un rom tutti avrebbero puntato il dito contro e invece è un militare, un sottufficiale della marina. Allora la vittima, poco vestita, se l’è cercata.

11267881_10153238367930783_1996412406974967037_n

Perchè non ho denunciato?

Oggi 29 maggio 2015 è il Denim Day, la giornata istituita 15 anni fa dall’associazione Peace Over Violence in risposta alla sentenza della Cassazione che in Italia assolse un uomo dallo stupro di una ragazza perché indossava un paio di jeans,

bambine-modelle

Dove stiamo ancora sbagliando?

A Torino poco tempo fa una 13enne è stata abusata ripetutamente dai suoi coetanei. Una storia di brutalità e di silenzio durata 7 lunghi mesi. Gli adulti continuano a chiedersi “dove abbiamo sbagliato?” ma l’autrice Di Rienzo fa notare come la giusta domanda da porsi sia “dove stiamo ancora sbagliando?”.

10415633_10204176514606524_7895921450943883992_n

Madri im_perfette

Un bambino viene ucciso ed una madre viene indagata per la sua morte. Si viviseziona impietosamente la vita di quella donna che viene descritta come mostro. Quasi ogni giorno ci sono uomini che uccidono moglie e figli, ma per le donne è differente, per loro i modelli sociali che giustificano i padri pesano come macigni sulle madri. Nessuno pensa che una madre che uccide suo figlio è vittima di se stessa.