Elezioni amministrative a Padova: il peso delle donne

downloadDomenica 11 giugno 2017, dalle 7:00 alle 23:00 si vota per decidere quale sarà il nuovo Sindaco e Consiglio comunale di Padova.

21 sono le liste in corsa alle prossime elezioni comunali, a sostegno di 7 candidati alla carica di Sindaco di Padova: Simone Borile (Movimento 5 Stelle), Maurizio Meridi (Casapound), Sergio Giordani (liste collegate: Socialisti Europei, Padova Bene Comune, Giordani Sindaco, Padova è, Partito Democratico, Area civica), Massimo Bitonci (liste collegate: Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale, Forza Italia-Berlusconi, Direzione Italia, Lega Nord – Liga Veneta, Bitonci Sindaco, Movimento del buonsenso, Prima Padova, Veneto libertà), Arturo Lorenzoni (liste collegate: Coalizione Civica, Lorenzoni Sindaco), Rocco Bordin (La Padova libera) e Luigi Sposato (liste collegate: Il popolo della famiglia, OSA).

Molte sono le ragioni che portano a scegliere una determinata lista, e dunque a votare per una specifica persona alla carica di Sindaco di Padova. Per chi è ancora indeciso/a, o per chi desidera informarsi di più, ecco qualche dato sulla presenza femminile fra i volti dei candidati consiglieri comunali.

Le donne che hanno deciso di candidarsi alla carica di consigliere comunale sono 249, su un totale di 628 candidati. Un rapporto uomo/donna quasi del tutto paritario (le candidate sono circa il 46% rispetto ai colleghi), segno che i tempi stanno forse cambiando.  Grazie anche alla cosiddetta “doppia preferenza di genere” (Legge215/2012), chi voglia esprimere due preferenze deve indicare candidati di sesso diverso tra loro e appartenenti alla stessa lista, pena l’annullamento della seconda preferenza (un’accortezza: al fine del conteggio dei voti si guarda se il nome del/la candidato/a compare in prima o seconda posizione sulla scheda).
Il Partito Democratico e Coalizione Civica hanno scelto di costruire una lista che conferma la parità di genere, con 16 uomini e 16 donne. In Coalizione Civica l’ordine dei nomi rispetta anche l’alternanza dei due generi. Nella lista Prima Padova la presenza di donne candidate è la più bassa: sono solo il 31,25%.

Il nome femminile appare come capolista in 7 casi. Si tratta dei Socialisti Europei (Monica Balbinot), Giordani Sindaco (Sabrina Benincà), Partito Democratico (Elvira Andreella detta “Etta”), Area Civica (Valentina Battistella), Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale (Tara Devi Babooa), Lorenzoni Sindaco (Meri Scarso), Il popolo della famiglia (Maria Verita Boddi)

L’età media delle candidate al nuovo Consiglio comunale di Padova è di circa 48 anni. Spetta ai Socialisti Europei l’età media più elevata (58 anni), mentre nel Movimento del buonsenso le candidate hanno un’età media di 40 anni. Fra tutte, è Sabrina Albertin di Casapound la candidata più giovane nei suoi 19 anni, mentre all’opposto c’è Maria Lucia Scioli, classe 1939, della lista La Padova Libera.

Per leggere tutti i nomi candidati per il nuovo consiglio comunale: http://www.padovanet.it/sites/default/files/attachment/liste_candidati_amministrative2017.pdf.

Buon voto a tutte/i!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *