Congedo di maternità: la proposta va discussa nell’Unione Europea!

arton7213-3f8a9Nella risoluzione approvata mercoledì, i deputati chiedono alla Commissione europea di non ritirare la proposta di direttiva UE sul congedo di maternità, nonostante sia bloccata da quattro anni al Consiglio dei ministri dell’UE.

I deputati hanno inoltre esortato i ministri a riprendere i colloqui e a concordare una posizione ufficiale.

spip

Il Parlamento ribadisce la propria richiesta per un congedo di paternità di almeno 10 giorni lavorativi, in aggiunta a quello di maternità.

Il congedo di maternità è regolato a livello comunitario dalla direttiva del 1992, che stabilisce un congedo minimo di 14 settimane. Nell’ottobre 2008, la Commissione aveva proposto di rivedere l’attuale legislazione (direttiva 92/85), come parte del pacchetto per conciliare la vita lavorativa e quella familiare, basato sulla Convenzione dell’Organizzazione internazionale del lavoro (OIL) sulla protezione della maternità del 2000.

Nel mese di ottobre 2010, il Parlamento europeo aveva approvato la sua prima lettura e inviato la legislazione emendata al Consiglio per estendere il congedo di maternità da 14 a 20 settimane pienamente retribuite. Avevano, inoltre, introdotto un congedo di paternità pienamente retribuito di due settimane.

Il Consiglio deve ancora approvare la sua posizione in merito.

La Commissione ha dichiarato l’intenzione di ritirare il progetto di legge, in linea con il suo programma di controllo dell’adeguatezza e dell’efficacia della regolamentazione (REFIT).

Sfidando le autorità europee, lavoratrici incinte e madri di bambini piccoli hanno partecipato alla seduta per mostrare il loro sostegno e mettere in evidenza il pericolo che causerebbe il ritiro di questa proposta.

Il Comitato ha adottato la risoluzione sulla direttiva riguardante il congedo di maternità con 19 voti a favore, 3 contro e 11 astenuti, consentendogli di essere presentata alla prossima riunione plenaria. 

Maggiori informazioni su European Women Lobby

Tradotto da Oriana Baldasso

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *