Diamoci una mossa se teniamo ai nostri occhi

Scopro spesso cose interessanti grazie alla newsletter di Informasalus. Chi lo immaginava infatti che dell’attività fisica e di un’alimentazione ricca di antiossidanti beneficiano anche gli occhi? Io sono miope da decenni, ma vorrei prevenire altre rogne. Nell’articolo, c’è anche uno studio fatto interamente sulle donne che, grazie alla giusta alimentazione, prendono le distanze dalla cataratta.
In più 10 regole, alcune nuove come la numero 7 che parla del girovita “in esubero” (responsabile delle infiammazioni), per la nostra alimentazione. E anche qui attività fisica per mantenere attivo il metabolismo. Allora dai, cosa aspettate a mettervi in moto per salvarvi gli occhi??

L’attività fisica fa bene anche agli occhi

Foto: http://www.biomag.it/

Foto: http://www.biomag.it/

L’attività fisica fa bene al corpo, alla mente e… agli occhi. Un po’ di esercizio aerobico, anche una corsa, protegge infatti la salute degli occhi prevenendo la degenerazione della retina e tutelando la sua funzionalità.
È quanto emerge da uno studio pubblicato sul Journal of Neuroscience da Eric Lawson e Jeffrey Boatright della Emory University. 
Lo studio, per la prima volta, mette in relazione la salute degli occhi con l’attività fisica e suggerisce che pazienti con i primi segni di maculopatia (malattia della retina diffusissima soprattutto tra gli anziani) potrebbero registrare un rallentamento della degenerazione retinica con un piano di attività fisica mirato.
Non solo l’attività fisica, ma anche alcuni alimenti possono essere utili per la salute degli occhi. 
In particolare, secondo un recente studio del Karolinska Institutet di Stoccolma pubblicata su JAMA Ophthalmology, le sostanze antiossidanti contenute nell’arancia e in altri alimenti come i cereali integrali contribuiscono a ridurre il rischio di cataratta, ovvero la progressiva perdita di trasparenza del cristallino che comporta l’offuscamento visivo globale.
La ricerca ha coinvolto oltre 30mila donne svedesi di età compresa tra i 49 e gli 83 anni che sono state seguite per un arco di tempo di sette anni. Durante questo periodo sono stati rilevati 745 casi di cataratta tra le donne che seguivano un’alimentazione ricca di antiossidanti contro i 953 casi registrati tra le donne abituate ad un regime alimentare a basso contenuto di antiossidanti. 
I risultati dello studio confermano pertanto la correlazione tra antiossidanti ed il contrasto dell’azione dannosa dei radicali liberi sul benessere degli occhi e della vista.

10 Regole per un’alimentazione salutare

Una corretta alimentazione è fondamentale per mantenersi in salute
Seguire le 10 regole del programma nutrigenomico che trovi di seguito richiede uno sforzo iniziale ma potrebbe rappresentare un enorme e fondamentale passo avanti per la tua salute.
1) Riduci il carico glicemico: elimina o riduci al massimo zuccheri, marmellate, miele, dolci, bibite, alcol e sostituisci pasta, pane e riso bianchi con quelli integrali. Questo ti aiuterà a rallentare l’assorbimento dello zucchero e a mantenere bassi livelli di insulina.
2) Dai importanza alla prima colazione: prediligi uova biologiche, noci, semi o burro di noccioline (naturale, senza grassi aggiunti), carboidrati integrali ma anche proteine nobili come quelle del salmone. La mattina è il momento in cui l’organismo è programmato per l’introduzione di calorie e nutrienti.
3) Distribuisci le calorie: mangia ogni 2–3 ore per mantenere stabili i livelli di glicemia. Come spuntino scegli delle mandorle, delle noci o della frutta di stagione.
4) Riduci lo stress: il corpo si difende dagli stress fisici e psicologici aumentando le riserve e quindi conservando peso e grasso. Per questo motivo è molto utile il coaching psicologico, una tecnica rapida ma efficace per arrivare a definire i problemi di stress e risolverli.
5) Mangia lentamente: mangiare velocemente, infatti, peggiora la digestione e aumenta l’accumulo di grasso, specialmente attorno all’addome.
6) Non magiare prima del sonno: in tarda serata e di notte il metabolismo rallenta e i cibi parzialmente assorbiti vengono trasformati in grassi e accumulati.
7) Punta a ridurre la circonferenza addominale: le cellule del grasso addominale costituiscono un tessuto endocrino in grado di promuo­vere i processi infiammatori, che a loro volta favoriscono l’accumulo di grasso. Ridurre la circonferenza addominale è più importante che perdere semplicemente peso.
8) Abbonda con frutta e verdura biologica: frutta e verdura sono ricchi di antiossidanti, vitamine e fitonutrienti, sostanze necessarie per un’ottima funzionalità cellulare.
9) Accelera il metabolismo: un programma personalizzato di esercizio fisico permette di accelerare il metabolismo di base. Contrariamente a quello che si pensa non è tanto importante quanto si consuma durante l’attività ma quanto l’esercizio riesca a mantenere attivo il metabolismo, anche quando siamo a riposo.
10) Potenzia la detossificazione epatica: per svolgere al meglio la funzione di detossificazione epatica il fegato ha bisogno di molti nutrienti, vitamine e fitonutrienti. Passare a cibi organici e ridurre la quantità di zuccheri aiuterà il tuo fegato a funzionare meglio.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *