USA: “gli stupri legittimi, raramente, portano alla gravidanza”

La notizia è dell’ultima ora ed è talmente sconcertante che viene quasi da ridere… per non piangere.

Succede questo: il parlamentare repubblicano Todd Akin, noto conservatore antiabortista, è stato intervistato da una rete televisiva locale del Missouri e non si è lasciato scappare l’occasione per rilasciare singolari opinioni su stupro e aborto. Ad una domanda del giornalista sull’aborto a seguito di violenza sessuale, questa è stata la sua risposta:

In caso di uno stupro legittimo, il corpo femminile può fare in modo di chiudere tutto… da quanto ho sentito dai medici, si tratta di un’evenienza davvero rara. Supponiamo che forse non ha funzionato, o qualcosa del genere… allora, penso che ci dovrebbe essere una punizione, ma la punizione dovrebbe essere data al violentatore e non al bambino“.

Non mi rimane altro che pensare che secondo Todd Akin, di recente vincitore della nomination per la carica di senatore del Missouri:

  1. È molto raro rimanere incinta dopo uno stupro perché la donna è dotata di un non precisato meccanismo biologico di immediata chiusura della vagina, confermato da alcuni medici consultati dal deputato
  2. Se per qualsiasi motivo, una donna rimanga incinta a seguito di una violenza, allora un po’ se l’è cercata (perché non ha innescato il meccanismo di “chiusura”?) e non è vittima di uno stupro vero e proprio, e comunque non le è consentita la libertà di scelta sull’abortire o meno, anzi, se proprio deve rompere le scatole, almeno che se la prenda col violentatore (che attende la punizione).

Numerose sono state le reazioni di sdegno statunitensi. La rivale di Akin nella campagna elettorale, la senatrice democratica Claire McCaskill, ha scritto su Twitter: «Come donna ed ex pubblico ministero che ha avuto a che fare con centinaia di casi di stupro, sono scioccata dal commento di Akin». 
Anche il governatore Mitt Romney – candidato repubblicano alle prossime elezioni contro l’attuale presidente degli Stati Uniti, Barack Obama – ha dichiarato di non concordare con quanto dichiarato da Akin e che non si opporrebbe all’aborto nei casi di stupro.

Todd  Akin ha dichiarato che le sue parole sono state fraintese, ma le scuse ufficiali non sono ancora arrivate.

One thought on “USA: “gli stupri legittimi, raramente, portano alla gravidanza”

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *