Mai più attacchi con l’acido sulle donne! Appello all’ONU

L’appello dalla sessione del Consiglio per i Diritti Umani dell’Onu, per le vittime di una violenza disumana. Sfigurata a vita. La pelle del viso accartocciata. I suoi occhi, salvi per miracolo, sono lucerne in questa faccia erosa dall’acido. “La faccia è la nostra identità. Le donne che vengono colpite dall’acido la perdono”. Amina inizia così il suo racconto. E’ arrivata dal Bangladesh fino alla sede dell’Onu di Ginevra, lo scorso 15 settembre. Un viaggio di 24 ore per raccontare la sua storia al Consiglio per i Diritti Umani delle Nazioni Unite. E’ una delle vittime degli attacchi con l’acido che colpiscono centinaia di donne nel suo Paese senza che la comunità internazionale muova un dito. Amina aveva sedici anni quando è stata colta di sorpresa da una secchiata di acido: “Era notte, mi recavo nel bagno esterno della mia casa nella campagna che dista pochi chilometri da Dacca, la capitale”. Autore di quest’atrocità, un pretendente ferito nel suo orgoglio perché respinto: “Non volevo sposarlo, per questo ha reagito così, come molti altri uomini fanno nei confronti delle donne che rifiutano di obbedirgli”. Secondo la Acid Survivors Foundation, associazione che si occupa dal 1999 del caso di Amina e delle tante come lei, gli attacchi al vetriolo hanno raggiunto quota 146 in Bangladesh nel 2009. E l’elenco è ancora maggiore se si considerano i casi non denunciati. “Gli attacchi non hanno solo luogo in Bangladesh ma colpiscono vittime in altri paesi tra cui Afghanistan, Cambogia, Pakistan, Uganda“, afferma Munira Rahman, Direttrice Esecutiva dell’associazione, “e le cause troppo spesso riguardano la proprietà di case o terra (39 per cento), la violenza domestica in genere (31 percento), il rifiuto matrimoniale femminile (17 per cento). Inoltre troppo spesso è la casa il luogo privilegiato dai torturatori”. Torturatori, si. Perché anche se l’Assemblea Generale dell’Onu ancora non si è ufficialmente pronunciata in merito, “l’attacco con l’acido è una forma di tortura che deve essere considerato e punito come tale”, sostiene con forza Lois Herman, coordinatrice del Network dei Report delle Donne delle Nazioni Unite (Wunrn) - che monitora costantemente lo stato delle discriminazioni di genere nel mondo. Questa e altre ong come la Lega Internazionale delle Donne per la Pace e la Libertà (Wilpf), anch’essa presente con una delegazione alla 15° sessione del Consiglio per i Diritti Umani dell’Onu, intendono far pressione sull’Assemblea Generale perché si pronunci a favore dell’equiparazione tra gli attacchi con l’acido e la tortura e perché la Convenzione sull’eliminazione di tutte le forme di violenza sulle donne (1979) sia efficace di fatto e non solo sulla carta. Va precisato, poi, che questo tipo di attacchi, espressione della più cieca brutalità patriarcale, “non dipendono da alcuna religione e provare a giustificarli in base ad una fede è pura mistificazione”, ricorda Amina. Insomma: ancora una volta il patriarcato sfoga la sua natura più becera su donne colpevoli soltanto di affermare con decisione la propria volontà. La testimonianza di Amina lascia impietrita la platea accorsa al Consiglio sui Diritti Umani a Ginevra. Qualcuno osa chiederle una foto, e lei si presta al gioco della rappresentazione per testimoniare la barbarie. Lo fa con pudore, accennando un sorriso a chi timidamente le propone uno scatto. “Per rendersi conto della tragedia non c’è altro modo che vedere”, dice con un sorriso pacato, “bisogna denunciare, anche così. Bisogna anzi urlare al mondo che è in atto una guerra silenziosa di cui nessuno parla. E bisogna fare rete, abbiamo bisogno di tutti i tipi di sostegno”. Perché la violenza sulle donne cessi. Perché non resti inosservata. Perché gli uomini la smettano di prendersela con le donne. Perché capiscono che farlo non li renderà di certo più machi. Semplicemente dei mostri. di Sara Borrillo per PeaceReporter

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *